Il GRIDO (Il Blog su Roccalumera e... non solo)

lunedì 29 settembre 2008

GP di Singapore (15°/2008)











F1 e non solo... vista da BonarRIGO
Sprofondo ROSSO. Alonso dice: ECCOMI!
.
Singapore, 5067 m / 61 giri. (Tre GP alla fine). Un debutto storico quello sul nuovo circuito cittadino della Città-Stato Singapore. Storico, soprattutto perchè mai in cinquant'anni di F1 si era corso di notte, sotto la luce di migliaia di riflettori. Si è voluto privilegiare la TV ed i spettatori a casa, così anche l'odiens è salva. Per una Imola che è stata scartata da Mr. Ecclestone, nascono ben due nuovi "cittadini" che si aggiungono allo Storico Montecarlo. Dopo Valencia, ecco arrivare una pista su un porto, ma questa volta... in estremo oriente e, come già detto, di notte. La Formula Uno ormai va dove il denaro pullula e lascia l'Europa per i Paesi dell'Est. A Singapore, ovviamente tracciato da "alto carico", si corre in mezzo ai grattacieli, in un panorama suggestivo di autostrade che sovrastano (intrecciandosi), la pista. Guida cartistica ed impegnativa per i piloti, in un susseguirsi di curve e controcurve a 90° e un solo rettilineo.
.
QUALIFICHE ROSSE: Per Massa, Hamilton, Raikkonen, nessun problema di visibilità fra i cordoli alti di Singapore. Qualifiche no, per Fisichella, che sbatte e viene prontamente (ri)messo in sesto, come le sospensioni anteriri della sua Force India. Pole in Q3 per Alonso, in forma su questa pista. In Q2, sfortuna per un Alonso, che, (causa guasto all'impianto idraulico), deve fermarsi e non qulificarsi alla fase successiva, mentre un strafortunato Hamilton, (che aveva clamorosamente sbagliato gomme), piazzandosi decimo passa alla fase finale. Nella Q1 finale, il millimetrico giro di Massa gli vale la Pole (in 1' 44" 801). Hamilton è secondo (a sei decimi), Kimi terzo di rabbia, e poi: Kubica, Kovalainen, Heidfeld, Vettel, Glock, Rosberg e Nakajima.
.
GARA di BOCCHETTONI: Allo start Massa mantiene autorevolmente la posizione, e così anche Hamilton e Raikkonen. Il passo del ferrarista brasiliano è inavvvicinabile, stacca Lewis, da cui il compagno è a due secondi. Mentre tutto volge al meglio per la Ferrari, e Kimi sta autorevolmente rimontando sulla McLaren dell'inglese, al 15° GIRO accade l'mprevisto che stravolgerà l'intero esito della corsa: Piquet sbatte contro i muretti (esce indenne), ma entra in pista la Safety Car. Entrano ai box Kubica (27° GIRO) e Rosberg (28°), ma la Pit-Lane è ancora chiusa e saranno ambedue penalizzati con uno Stop and Go. Alonso, che era partito scarico, (aveva rifornito un paio di giri prima che il compagno avesse l'ncidente), e ne trarrà enorme vantaggio.
.
Aperta la Pit Lane, Massa entra ai box. Il sistema Ferrari "evoluto" di ripartenza con semaforino segna VERDE, ma il bocchettone è ancora inserito nella monoposto. Felipe scatta come un fulmine... mentre il semaforino torna sul rosso. Strapperà l'intera tubazione, la quale a sua volta travolgerà il meccanico addetto al rifornimento. Massa si fermerà quasi all'uscita della Pit Lane, dopo aver seminato il panico con quel "serpente" che gli ciondola dietro. Intanto era entrato Kimi, che nella concitazione perderà secondi preziosi... dopo averlo rifornito, i meccanici corrono da Massa per staccare il bocchttone. Tirano con forza, passano i secondi... alla fine ci riescono... Felipe riparte, ma qualche giro dopo verrà sanzionato dai Commmissari (per manovra pericolosa), con un Drive Trough. Massa è ultimo, Kimi è sedicesimo. Il meccanico (Claudio), sta bene, ma verrà immobilizzato su una barella e portato in clinica per controlli. Ultimo a fare il primo rifornimento è Fisichella, partito con il pieno, quando anche lui entrerà ai box, Alonso si ritroverà in testa alla gara. Ma i colpi di scena non sono finiti. Al successivo rifornimento, Coulthard ai box, quasi replica la disavventura di Massa... partendo con il bocchettone inserito. Anche lui travolge un meccanico, ma fortunatamente frena molto prima e limita i danni. 49° GIRO, l'incidente di Sutil (Force India), ripropone la Safety Car in pista. Al rientro della "SC", Hamilton cerca di recuperare qualche preziosa posizione e si porta alla spalle di un ottimo Rosberg, cercando di sottrargli la seconda piazza. 58° GIRO, Raikkonen è quinto, quando in un maldestro salto sui cordoli, perde il controllo della sua monoposto e finisce (ancora) la sua gara contro le protezioni. Con Massa 13° e Kimi fuori, la Ferrari perde anche il primato in Classifica Costruttori. Sul podio, con un raggiante Alonso, anche Rosberg e Hamilton, (che adesso è a +7).
.











GUARDA la GALLERIA FOTOGRAFICA DEL MONDIALE F1:
___________________________________________________
LE POSIZIONI a punti:
.
1) Alonso (Renault) in 1h 57' 16" 304
2) Rosberg (Williams-Toyota) a 2" 957
3) Hamilton (McLaren-Mercedes) a 5" 917
4) Glock (Toyota) a 8" 155
5) Vettel (Toro Rosso-Ferrari) a 10" 268
6) Heidfeld (BMW) a 11" 101
7) Coulthard (Red Bull-Renault) a 16" 387
8) Nakajima (Williams-Toyota) a 18" 489
___________________________________________________
MONDIALE PILOTI:
.
1) Hamilton (GB) 84
2) Massa (BRA) 77
3) Kubica (POL) 64
4) Raikkonen (FIN) 57
5) Heidfeld (GER) 56
6) Kovalainen (FIN) 51
7) Alonso (SPA) 38
8) Vettel (GER) 27
9) Trulli (ITA) 26
10) Glock (GER) 20
11) Webber (AUS) 20
12 Rosberg (GER) 17
13) Piquet (BRA) 13
14) Barrichello (BRA) 11
15) Nakajima (GIA) 9
16) Coulthard (GB) 8
17) Bourdais (FRA) 4
18) Button (GB) 3
19) Fisichella (ITA) 0
20) Sutil (GER) 0
21) Sato (GIA) 0
22) Davidson (GB) 0
__________________________________________________
MONDIALE COSTRUTTORI:
.
1. McLaren-Mercedes 135
2. Ferrari 134
3. BMW 120
4. Renault 51
5. Toyota 46
6. Toro Rosso-Ferrari 31
7. Red Bull/Reanault 28
8. Williams/Toyota 26
9. Honda 14
10. Force India-Ferrari 0
11. Super Aguri-Honda 0 (si è ritirato dal Mondiale)
__________________________________________________
ARRIVEDERCI amici tifosi,al prossimo GP del Monte Fuji,
il 12 Ottobre.
.
BAHRAIN 2008...............SPAGNA 2008
TURCHIA 2008............MONACO 2008
CANADA 2008..............FRANCIA 2008
UNGHERIA 2008........... EUROPA 2008
BELGIO 2008......... ITALIA 2008
SINGAPORE 2008
__________________________________________________
GUARDA il Blog BonarRIGO MOTORI il prossimo Mondiale di F1, lo leggerete lì.

Etichette:

giovedì 25 settembre 2008

Caro nonno Giovannino, ti scrivo.











Caro nonno, tu che hai vissuto la tua giovinezza sotto i bombardamenti della seconda guerra mondiale, che hai girato la Sicilia ai tempi del bandito Giuliano, per poi tornare umile macellaio nella tua Roccalumera, tu che tanto hai dato alla politica del tuo paese e che nulla hai preteso in cambio, cosa ne pensi del mio ruolo nel sociale della Roccalumera di oggi? Lo so, mi dicevi di impegnarmi in prima persona in politica, da grande, e questo non l'ho fatto e forse non lo farò mai. Lo sai bene, ci vogliono i numeri... ci vogliono i voti, non l'onestà o la serietà nel proprio lavoro. Per anni, oltre a te, il sindaco Carmelo Saitta, che avevi convinto a fregiarsi del simbolo dello SCUDO CROCIATO e reso vincente portandogli ben trecento voti... per riconoscenza, oltre a te, osteggiò anche tutta la nostra famiglia. Lo so, quanto bene hai fatto alla povera gente ai tempi in cui eri Presidente del "Lega" come la chiamavi tu, (una sorta di patronato). Per te non hai preteso nulla in cambio, neanche la gloria! Eppure, ce n'è stata di gente che si è arricchita sfruttando le pieghe della politica pasana, caro nonno. Ora, guardando da lassù, forse osservi sorridente i coraggiosi passettini compiuti dall'ultimo Primo Cittadino Miasi, dopo che, per due legislature, il caro Dottore "baciamu li mani" Gaetano Argiroffi, (che mi ha personalmente qualificato uno zero), aveva illuso tutti con proclami di cambiamento e crescita turistica che non c'è mai stata.

Eri triste, caro nonno, vedendomi tornato dal servizio militare, dove avevo strabiliato il mio Maresciallo, Colonnelli, Generali e perfino i comandanti della "Brigata Trieste" e del "Comando Zona" di Bologna, poi, tornato Casa per vedermi poi sorpassare e doppiare da emeriti incapaci nel mio stesso mestiere, il Geometra. Tu, avresti preferito che facessi carriera là, in caserma, (e ne avevo le capacità), ma no, io ho voluto tornare al paesello per fare... il signor nessuno.

Poi, circa cinque anni fa, con l'elezione del nuovo Sindaco Miasi, finalmente credetti di avere qualcosa di buono da raccontarti, caro nonno. Mi dissi, basta coi soliti tecnici raccomandati in Comune, ci sarà parità di opportunità e lavoro anche per me. Io, che (fra le tante cose), avevo fatto anche il commesso dei registratori di cassa e perfino l'assicuratore porta a porta per anni, finalmente sarei stato preso sul serio. Sarei stato riconosciuto PROFESSIONISTA SERIO e valido, e per ricaduta, anche la gente sarebbe venuta al mio studio. In verità, di lavoretti ne ho fatti, ma, non ho ancora raggiunto lo scopo di diventare il PROFESSIONISTA STIMATO da tutti, come le mie capacità meriterebbero, ho invece suscitato (ingiustificata e accanita) invidia, pur NON essendo diventato il TECNICO di riferimento del Comune, ma solo uno dei tanti. Infatti, per una volta che toccava a me, è stata applicata la democratica (e giusta), rotazione degli incarichi. E, per il futuro a Roccalumera? Starò a vedere!

Intanto, che delusione, sentirmi rinfacciare ripetutamente il denaro avuto per il lavoro onestamente svolto in Comune! Sapessi realizzare anche la Gioconda di Leonardo, (io sono anche un pittore), il mio timore rimane quello di essere IN OGNI CASO denigrato a scopo. Quindi, nella mia terra, sono ancora un "geometruncolo da quattro soldi"... io, che (a Bologna) ventidue anni fa, pur acerbo, ero considerato "il mago della matita". Ma, ce la farò ad emergere, caro brigadiere... te lo prometto!
________________________________________________________
GUARDA gli ultimi pezzi della mia GALLERIA
.
GUARDA i VIDEO del mio CANALE You Tube
.
IO GEOMETRA ho aggiunto un POST

Etichette: ,

martedì 23 settembre 2008

Guardate sul calendario, oggi è San Pio


22 settembre 1968, alla bella età di ottantasette anni, si spegneva serenamente a San Giovanni Rotondo, fra Francesco Forgione da Pietralcina, (meglio conosciuto come Padre Pio). Lon voglio ricordare oggi il Santo. Il fraticello con le Stimmate, uomo di Dio che accolse e diede conforto alla sofferenza ed alla miseria di quei tempi alla "sua" povera gente del foggiano, intercessore presso Dio stesso, operò (ed opera ancora oggi), innumerevoli miracoli. Folle oceaniche di popolo, negli anni della suo sacerdozio, accorsero a S. Giovanni Rotondo per essere da Lui confessati e guariti nel corpo e nello Spirito. San Pio, fondatore della "Casa Sollievo della Sofferenza", (Ospedale di altissimo livello, che ancora oggi accoglie e cura i fedeli ed i sofferenti del Mondo intero), è il Santo che alcuni dei nostri vecchi hanno potuto conoscere di persona e lo testimoniano a noi. San Pio, è il Santo del terzo millennio. Il nostro!
______________________________________________________
GUARDA gli ultimi pezzi della mia GALLERIA
.
GUARDA i VIDEO del mio CANALE You Tube
.
IO GEOMETRA ho aggiunto un POST

Etichette: ,

venerdì 19 settembre 2008

Sicilia, consolati con Miss Italia e una Velina


























Miss Italia incorona Miriam Leone di Acireale
Dal Corriere della Sera.it (vedi FOTO)
.
Sicilia, dateci una Miss... e saremo felici. Ricordate la Francesca Chillemi? (2003), anche lei fu una bella sorpresa per i siciliani. Ultimamente l'abbiamo ammirata nella Fiction "Carabinieri". Miss Italia 2008 - A SALSOMAGGIORE (09-09-08), la "rossa" Miriam Leone, 23 anni, residente ad Acireale, eliminata e poi ripescata, alla fine ha vinto. Manco a dirlo, seconda si è classificata la catanese Marianna Di Martino De Cecco. Un vero trionfo per noi siciliani.
.
Veline, la bionda Costanza Caracciolo è di Siracusa
Dal Corriere della Sera.it (vedi FOTO)
.
Sicilia, dateci una Velina... e saremo felici. A Milano, (18-09-08) Costanza Caracciolo, in coppia con la bruna Federica Nargi, sarà la nuova Velina di Striscia la notizia, il TG satirico di Canale 5 firmato da Antonio Ricci e condotto da Ezio Greggio ed Enzo Iacchetti. Se non ricordo male, mai in vent'anni di "Striscia", era salita sul bancone una Velina siciliana... anche quì un vero trionfo.
.
Figlia, non studiare... fai un bel lifting al seno!
.
Da quanto ho letto, Cinzia (la Miss), è una ragazza sveglia, intelliggentissima, che si impegna parecchio nello studio, (tutti trenta e trenta e lode a Lettere). Alla facoltà di Catania, indirizzo «arti e spettacolo»: le mancano due esami per laurearsi. Lavora per una radio privata, il programma si chiama (Dupale). Racconta fatti di cronaca e risponde alle telefonate. L'ingaggio? 20 Euro a puntata. Fra questa sera è domani, sapremo tutto di Costanza la Velina, della sua vita privata, dei suoi pregi, dei suoi difetti e... dei suoi sogni, ma ciò a cui voglio arrivare è: Miss e Veline... stanno diventando (o sono già diventate), l'biettivo delle giovani Teen Agers? Voglio dire che, se una ragazza da trenta e lode, a Catania guadagna 20 euro al giorno... e chissà il domani, e poi diventando Miss Italia fa soldi a palate... chi ci va più all'Università? Passiamo alle Veline: sposano i calciatori, che magari (come Totti), non sanno neanche mettere una parola dietro l'altra in un discorso, ma sono ricchi da far paura. La ragazza che divenuta Velina, certo, studierà ballo, dizione, e quant'altro per essere pronta al debutto sul piccolo schermo e (perchè no), anche sul grande schemo. Spot, Fiction, programmi calcistici, interviste, ecc. ecc. La Sicilia dei sogni può essere contenta, e lo è anche l'Italia dei sogni. E, mentre una Velina ed una Miss o una Letterina o una Meteorina, o una tronista... ecc. ecc. luccicheranno di ricchezza propria, la gente dirà: "l'unica strada per fare successo nella vita è quella! altro che studiare, altro che lavorare!". Intanto, mentre l'Alitalia dei debiti e dei 20mila cassintegrati (che manterremo con le nostre tasse), fallisce, noi ci siediamo davanti alla TV e guardando quelle belle cosce nude e quegli stacchetti mozzafiato... ci dimentichiamo tutto il resto! ______________________________________________________
GUARDA gli ultimi pezzi della mia GALLERIA
.
GUARDA i VIDEO del mio CANALE You Tube
.
IO GEOMETRA cosa vorresti che PUBBLICASSI lì?

Etichette: ,

mercoledì 17 settembre 2008

C'è chi ci ha provato a cambiare le cose, e...


Voglio dedicare poche righe di riflessione alla MALA società in cui vivo. Dove, dall'alto (o dal basso) dei miei anni, vedo ingiustizie alle quali alcuni acconsentono per comodo, altri per impotenza contro le istituzioni, altri (pochi), dicono NO. A questi ultimi va il mio plauso, perchè so che essi sono i più coraggiosi, prima ancora che lavoratori.

Le Scuole di OGGI: Ragazzini che studiano poco e malvolentieri, vetri delle scuole bucati dai vandali, computer rubati. Ragazzi che cambiano scuola dopo un anno per (ri)essere bocciati. Spinelli, Marjuana, Nutella Party in cui una ragazzina in perizoma viene spalmata di nutella per essere leccata da tutti e magari, un bel video con il telefonino da pubblicare su You Tube. Sesso disinvolto e... ritorno a casa alle tre di notte. Genitori che lavorano un giorno si e due no. Eppure siamo fortunati. Fortunati? Si, tutto sommato si sopravvive!

PERO', c'è anche gente che lavora duramente per portarsi avanti, fra quei meno giovani che hanno risposto NO alla loro condizione disagiata familiare, che si sono curvati al sacrificio e, ammirti da tutti, hanno fatto ogni tentativo per uscire dal bunker della povertà. Eppure, certe volte il destino si accanisce proprio contro questi volenterosi. Si accanisce rendendo loro troppo pesante la "croce" da portare, fino a quando... si consuma il DRAMMA. Sgomenti o solo curiosi, assistiamo inermi al fatto ormai compiuto. Perchè si è tolto la vita? ci chiediamo? Era un così bravo ragazzo! Questi DRAMMI, a saperli leggere nella profondità, invece dovrebbero far riflettere TUTTI. Forse è la nostra società ad essere marcia! Una società che coltiva rapporti di facciata, sorrisi di circostanza, gioco dei ruoli... come sempre. Una società dove impera l'indifferenza. Eppure, qualche amico vero c'è, qualche sentimento di unione fraterna (che ricorda bei tempi andati), resiste in una comunità che piange ma dimentica presto per non soffrire di più.

Pochissimo so di tutto ciò che si è detto e sussurrato in questi giorni nei paesi della Riviera Jonica, di un ragazzo che pur conoscevo fin dall'infanzia, ma sono convinto che: Massimo ci ha provato, ha lavorato come uno schiavo, ha cercato di costruire (con i sacrifici), tutto quello che tanti benestanti... (e ce ne sono) si ritrovano per diritto di nascita e... ridono. Quei "benestanti" che ti ridono in faccia all'uscita della Santa Messa, che incontrandoti, ti chiedono se lavori... sperando in una tua risposta negativa. Quei "benestanti" che non ti aiuterebbero mai, perchè la società dei fannulloni, dei poveri, dei lavoratori che soffrono... a loro piace proprio così com'è.
______________________________________________________

GUARDA i VIDEO del mio CANALE You Tube

Etichette:

lunedì 15 settembre 2008

GP d' ITALIA; "Monza" (14°/2008)



La F1 e non solo... vista da BonarRIGO
E' Vettel il "toro" di Monza!

http://www.corriere.it/gallery/Extra/2008/formula1/vuoto.shtml?formula1/formula1/monza&2
.
Monza, 5793 m / 53 giri. (Quattro GP alla fine). E' ormai rimasto l'unico circuito del Mondiale, (nonostante le chicane), veramente Veloce. A Monza, e solo a Monza, si "viaggia" ad incidenza d'ala "zero". E' stato constatato, mediante simulazione al Computer, (utilizzando le attuali monoposto), che, se la configurazione di Monza fosse ancora quella del 1972, e cioè senza la variante prima del curvone... dove, secondo me... si staccherebbe a oltre 390 km/h; senza le modifiche alle varianti di Lesmo; senza la variante Villeneuve... senza il quale si staccherebbe alla "Parabolica", nuovamente prossimi ai 400 km/h... la media sul giro, sarebbe di oltre (!) 300 km/h. Ma, così, la morte tornerebbe nei G.P.) A Monza, (politica a parte), si disputa una finale mondiale... come Italia-Francia 2006. Solo che quì la Nazionale veste di Rosso, e la sfidante per la Coppa... veste d'argento.
.
QUALIFICHE BAGNATE: Quando i Grandi, si perdono in un bicchier... di pioggia, e i giovani "Torelli" fanno faville! Giancarlo Fisichella non è più un giovanissimo, ma, sulla modesta (non di motore), Force India, passa per la prima volta la Q1. Ma la notizia folgorante è che: il più giovane poleman di tutti i tempi della F1 adesso è Sebastian Vettel della Toro Rosso. Manco a dirlo, motorizzata Ferrari. Ma andiamo per ordine: mentre nella Q1 il migliore sul bagnato è Kovalainen, nella Q2 è Vettel. In questa sessione, a deludere sarà nientepopodimeno che gente come Kubica (BMW) Raikkonen (Ferrari) e... Hamilton (McLaren), che non passeranno alla successiva dei Top-Ten. Quanti errori, quanti testacoda! Una spiegazione c'è, anche se rimane un fatto eclatante, chi è sceso in pista a inizio sessione, ha fatto "il tempo". Chi invece ha temporeggiato, (o come Hamilton è entrato con le intermedie), poi non ha avuto il tempo di recuperare, perchè la pioggia è aumentata parecchio. Massa? C'è l'ha fatta per un pelo. Q3: meravigliosa rivelazione il giovane Vettel, che conquisterà la pole, bene anche il compagno Bourdais (4°). Ecco la Top Ten per la partenza dell'indomani: Vettel, Kovalainen, Webber, Bourdais, Rosberg, Massa, Trulli, Alonso, Glock, Heidfeld.
.
GARA A REMI... EMOZIONANTE: Avvio dietro la Safety Car (gomme Rain). La monoposto di Bourdais non mette in moto e viene spinta ai box... da lì si avvierà con un giro di ritardo sugli altri. Mentre il "torello" Vettel è là davanti è prende vantaggio su tutti, Raikkonen suda per passare la Force India di Fisichella a centro gruppo. Lo passerà, ma, cosa fa Hamilton alle sue spalle? supera Fisico e... al decimo giro, passa anche Kimi. Massa, là davanti ha superato Rosberg, ma Hamilton supera Haidfeld, poi Glock (spingendolo sull'erba), passa anche Kubica. Iniziano i Pit-Stop: Vettel entra ai box. Hamilton in pista passa anche Alonso. Attacca ancora l'inglese della McLaren, passa Trulli, ma taglia la chicane e gli deve restituire la posizione. Lo ripasserà il giro successivo. 23° GIRO, Hamilton passa anche Rosberg... adesso è secondo dietro al solo Vettel. Lewis, avrebbe sicuramente vinto il GP, se entrando ai box non gli avrebbero montato ancora le "rain", mentre, solo due giri dopo, Webber azzardava (con successo), le intermedie su una pista ormai tendente ad asciugarsi. Ritornare al box e passare anch'egli alle intermedie (come tutti gli altri) gli costerà diverse posizioni. Lotta con Massa per la sesta posizione Hamilton. Massa resiste fino alla bandiera a scacchi e limita i danni. Raikkonen, a tratti aggressivo, ma (già da diversi GP incostante), giunge nono fuori dai punti... con il giro più veloce all'ultimo giro. Il GP lo vincerà non la Ferrari, ma un motore Ferrari su una monoposto (la Toro Rosso), che altri non è se non la ex Minardi con sede a Faenza.
.
Il "Toro" italiano: Oggi, con la squadra ha esultato il Manager Gerhard Berger, che da pilota vinse (a Monza), esattamente 20 anni fa. Esulta Giorgio Ascanelli, tecnico di grande valore ex Ferrari. Eppure, la "Toro", il prossimo anno, dovrà cercarsi un nuovo patner e costruirsi il telaio in casa. E, Vettel? passerà alla Squadra Madre "Red Bull". Tutti ricorderanno "Monza 2008" come: il Gran Premio di Vettel. Il giovane tedesco che tanti associano all'immenso Schimacher, partito dalla Pole, ha Vinto a soli 21 anni e due mesi. Il più giovane pilota di tutti i tempi, ad aver varcato il sommo gradino del podio.
.
FERRARI, MCLAREN o BMW? Massa ad un solo punto da Hamilton, McLaren che si avvicina, ma BMW da non sottovalutare. La "Rossa" ha la monoposto migliore (tranne che in condizioni di basse temperature e pioggia), la McLaren le è vicinissima come prestazioni. La BMW, in questo 2008 è sempre stata un gradino sotto le due GRANDI, eppure... è sempre lì nelle due classifiche. Costruttori: dovrebbe essere a 30 o 40 punti dalla vetta, e invece si trova a soli 17. Piloti: anche quì, Kubica è terzo (davanti a Kimi), a soli 14 punti da Hamilton. Vuoi vedere... che... se le prime due commetteranno ancora errori grossolani (!) uno dei due mondiali se lo porta a casa la BMW?

http://www.corriere.it/Speciali/Sport/2008/formula1/pop_gallerie.shtml
.
___________________________________________________
LE POSIZIONI a punti:
.
1) Vettel (Toro Rosso-Ferrari) in 1h 26' 47" 494
2) Kovalainen (McLaren) a 12" 512
3) Kubica (BMW) a 20" 471
4) Alonso (Renault) a 23" 903
5) Heidfeld (BMW) a 27" 748
6) Massa (Ferrari) a 28" 816
7) Hamilton (McLaren-Mercedes) a 29" 816
8) Webber (Red Bull-Renault) a 32" 048
_________________________________________________
MONDIALE PILOTI:
.
1) Hamilton (GB) 78
2) Massa (BRA) 77
3) Kubica (POL) 64
4) Raikkonen (FIN) 57
5) Heidfeld (GER) 53
6) Kovalainen (FIN) 51
7) Alonso (SPA) 28
8) Trulli (ITA) 26
9) Vettel (GER) 23
10) Webber (AUS) 20
11) Glock (GER) 15
12) Piquet (BRA) 13
13) Barrichello (BRA) 11
14 Rosberg (GER) 9
15) Nakajima (GIA) 8
16) Coulthard (GB) 6
17) Bourdais (FRA) 4
18) Button (GB) 3
19) Sutil (GER) 0
20) Fisichella (ITA) 0
21) Sato (GIA) 0
22) Davidson (GB) 0
.
________________________________________________
MONDIALE COSTRUTTORI:
.
1. Ferrari 134
2. McLaren-Mercedes 129
3. BMW 117
4. Toyota 41
5. Renault 41
6. Toro Rosso-Ferrari 27
7. Red Bull/Reanault 26
8. Williams/Toyota 17
9. Honda 14
10. Force India-Ferrari 0
11. Super Aguri-Honda 0 (si è ritirato dal Mondiale)
________________________________________________
ARRIVEDERCI amici tifosi,
al prossimo GP di Singapore (in notturna), il 28 Settembre.
.
AUSTRALIA 2008........MALESIA 2008
.
BAHRAIN 2008...............SPAGNA 2008
.
TURCHIA 2008............MONACO 2008
.
CANADA 2008..............FRANCIA 2008
.
GRAN BRETAGNA 2008....GERMANIA 2008
.
UNGHERIA 2008........... EUROPA 2008
.

Etichette:

venerdì 12 settembre 2008

Lions Club, donati 2.500 Euro all'Oasi S. Antonio!


















Alì Terme (ME), 10/09/08 ore 19,15. Un caldo estivo mai domo, ha accompagnato a bordo piscina delle Terme Marino la Conferenza Stampa e la presentazione del programma 2008-2009 dei Lions di Santa Teresa di Riva. Ha aperto i lavori il Presidente dell’Associazione Lions Club, Arch. Andrea Donsì. Presenti diverse personalità, nonché giornalisti di varie testate. Fra i soci Lions: Rosanna Messina Trimarchi, (autrice del libro “Passeggiata Gastronomica), Francesco Romeo e Agostina La Torre, (ambedue past. President, sono infatti già stati Presidenti dei Lions), Cecilia Marino, (Consigliere e Presidente del Comitato che organizza iniziative di supporto alla Solidarietà), Cettina Marino, (Cerimoniere) e, l’Ing. Francesco Crinò (Segretario).
.














Ospiti d’Onore: il Sacerdote di Furci Siculo Padre Salvatore Sinitò, nonché Filippo Bonura, (socio fondatore dell’Oasi S. Antonio) e Edoardo Raspa, (che fa parte dell’attuale direttivo). Il Presidente dei Lions, ha iniziato il suo discorso ringraziando i presenti ed enumerando le iniziative che distingueranno il Club in questo anno-sociale 2008-2009. Iniziando dalla Solidarietà nei confronti dell’AUSL di Messina e del 118, per proseguire parlando dello Screening oculistico gratuito (che si terrà nei giorni del 20 e 21 settembre a S. Alessio S., Santa Teresa di Riva, Fiumedinisi e Nizza di Sicilia), nonché allo Screening Osteoporosi (MOC) anch’esso gratuito, e ancora: il Convegno sulla prevenzione del Diabete (15 Novembre prossimo), e le iniziative a scopo Culturale, fra cui il Seminario sul tema “Memorie di uomini e artisti”, che si terrà a Santa Teresa di Riva nei locali di Villa Ragno Crisafulli il prossimo 28 Settembre e all’interno del quale ci sarà una mostra di pittura e reperti fotografici ed un seminario in ricordo di Silvio Timpanaro (pittore) e Piero Carnabuci (attore). Il Presidente Donsì, ha continuato dicendo: “Gli anni iniziali sono sempre i più difficili…” poi, stimolato da un mio intervento: quale è stato l’impegno dei Lions sul territorio e quale sarà negli anni a venire? La sua risposta che sintetizzo: - il nostro impegno sarà, portare a compimento iniziative con altre associazioni (per es. già a Roccalumera abbiamo collaborato con il “parco Quasimodo” organizzando un convegno) e tanto altro lavoro c’è da fare.
.













A questo punto, il momento clou della serata è stato rappresentato dalla consegna del contributo solidarietà a Padre Sinitò. L’niziativa, partita due anni fa con la vendita del libro “Passeggiata Gastronomica”, è stata volta a donare all’Oasi S. Antonio un contributo di 2.500 euro. Poche ma profonde le parole di Padre Salvatore: “questa offerta che mi date, non la date a me ma ai poveri, è un dono dei cuori!” Chiamato ad aggiungere le sue dichiarazioni, Edoardo Raspa ha detto: - dopo tanti anni di preoccupazione, se non interveniva l’Arcidiocesi di Messina, non avremo raggiunto il completamento dell’opera. Toccante il momento della stretta di mano fra il Presidente ed il Parroco con la consegna dell’assegno. A completare la piacevole serata, è seguito un ricco e variegato buffet, gentilmente offerto dai proprietari delle Terme Marino.

La mia riflessione: L’Oasi S. Antonio, nacque dal “Sogno” quasi impossibile del compianto Padre Francesco Donsì. Progetto nato nel lontano 1982. Tantissime sono state le difficoltà non solo finanziarie che ne hanno rallentato la realizzazione ed il completamento. Proprio al coraggio ed alla tenacia di Padre Donsì, si deve tutto ciò. In questi anni, pare che si sia rischiato di dover restituire tutte le somme erogate dalla Regione che ne intimava il completamento in tempi strettissimi. Oggi, l’Oasi è pronta, nei suoi ampi e confortevoli locali. Non fosse altro che vari infissi ormai corrosi dagli anni, sono da sostituire, (parole di Padre Salvatore) ed alla burocrazia imperante, l’Oasi potrebbe iniziare ad accogliere i nostri anziani già domani. Il sottoscritto si augura che, se incomprensioni e polemiche ci sono state, anche recentemente, esse saranno presto chiarite e si scioglieranno in una bolla di sapone. Quindi, auguro a tutti gli anziani del comprensorio, di potere presto usufruire dell’utilissimo servizio di questa importante Casa Albergo (e non Ospizio), per bisognosi. Giovanni BonarRIGO
____________________________________________________
GUARDA gli ultimi pezzi della mia GALLERIA
.
GUARDA i VIDEO del mio CANALE You Tube
.
IO GEOMETRA cosa vorresti che PUBBLICASSI lì?

Etichette: ,

mercoledì 10 settembre 2008

Oasi S. Antonio, il Parroco di Furci Siculo mi risponde così!

Carissimo Padre Sinitò,
già da tempo, leggo sui giornali a proposito di un'Oasi S.Antonio in mano ai barbari; o di poveri (non solo furcesi) abbandonati a loro stessi. Leggo su jonionotizie "fabbrica del denaro". Volutamente mi sono astenuto (questa volta) dal dare pareri. Eppure, il compianto Padre Donsì me ne parlava con grande sofferenza. Certo che se dietro a tutto ciò ci fossero delle costrizioni politiche o peggio ancora vessazioni mafiose, non lo racconterebbe a me... ne tantomeno ai ciarlieri giornalisti in caccia di SCOOP, ma... dare un volto ad una vicenda su cui si ricama (a torto od a ragione) da tempo, sarebbe sensato e GIUSTO.

Due domande:
1) è vero che l'Oasi sarebbe stata data in gestione, quindi la chiesa, la parrocchia di Furci oggi nè è fuori?
2) i Lions hanno raccolto fondi, a favore di chi? visto che l'Oasi è ormai autosufficiente e gestita da privati?

Sperando di non aver disturbato, Le porgo i miei più cordiali Saluti.
Giovanni BonarRIGO
______________________________________________

(06-09-2008) E' tutto falso quello che hai sentito o letto, caro Giovanni, riguardo all' Oasi. La sofferenza di cui mi parli l'ho ereditata non da P. Donsì, ma dalla Curia e persiste anche oggi con molte difficoltà. Se vuoi saperne di più, posso fissarti un'appuntamento, qualora tu lo desiderassi. Può essere utile la riflessione che farò domani durante l'omelia.
Nel Vangelo di domani leggiamo: "In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli: Se il tuo fratello commette una colpa, va' e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato un fratello". Gesù parla di ogni colpa; non restringe il campo alla colpa commessa nei nostri confronti. In quest'ultimo caso infatti è praticamente impossibile distinguere se a muoverci è lo zelo per la verità, o se non è invece il nostro amor proprio ferito. In ogni caso, sarebbe più autodifesa che correzione fraterna. Quando la mancanza è nei nostri confronti, il primo dovere non è la correzione ma il perdono.
Perché Gesù dice: "ammoniscilo fra te e lui solo"? Anzitutto per rispetto al buon nome del fratello, alla sua dignità. La cosa peggiore sarebbe voler correggere un marito in presenza della moglie, o una moglie in presenza del marito, un padre davanti ai suoi figli, un maestro davanti agli scolari, o un superiore davanti ai sudditi. Cioè, alla presenza delle persone al cui rispetto e alla cui stima uno tiene di più. La cosa si trasforma immediatamente in un processo pubblico. Sarà ben difficile che la persona accetti di buon grado la correzione. Ne va della sua dignità.
Dice "fra te e lui solo" anche per dare la possibilità alla persona di potersi difendere e spiegare il proprio operato in tutta libertà. Molte volte infatti quello che a un osservatore esterno sembra una colpa, nelle intenzioni di chi l'ha commessa non lo è. Una franca spiegazione dissipa tanti malintesi. Ma questo non è più possibile quando la cosa è portata a conoscenza di molti.
Quando, per qualsiasi motivo, non è possibile correggere fraternamente, da solo a solo, la persona che ha sbagliato, c'è una cosa che bisogna assolutamente evitare di fare al suo posto, ed è di divulgare, senza necessità, la colpa del fratello, sparlare di lui o addirittura calunniarlo, dando per provato quello che non lo è, o esagerando la colpa. "Non sparlate gli uni degli altri", dice la Scrittura (Gc 4,11). Il pettegolezzo non è cosa meno brutta e riprovevole solo perché adesso gli si è cambiato il nome e oggi lo si chiama "gossip".
Una volta una donna andò a confessarsi da san Filippo Neri, accusandosi di aver sparlato di alcune persone. Il santo l'assolse, ma le diede una strana penitenza. Le disse di andare a casa, di prendere una gallina e di tornare da lui, spiumandola ben bene lungo la strada. Quando fu di nuovo davanti a lui, le disse: "Adesso torna a casa e raccogli una ad una le piume che hai lasciato cadere venendo qui". La donna gli fece osservare che era impossibile: il vento le aveva certamente disperse dappertutto nel frattempo. Ma qui l'aspettava san Filippo. "Vedi -le disse- come è impossibile raccogliere le piume, una volta sparse al vento, così è impossibile ritirare mormorazioni e calunnie una volta che sono uscite dalla bocca".
Tornando al tema della correzione, dobbiamo dire che non sempre dipende da noi il buon esito nel fare una correzione (nonostante le nostre migliori disposizioni, l'altro può non accettarla, irrigidirsi); in compenso dipende sempre ed esclusivamente da noi il buon esito nel... ricevere una correzione. Infatti la persona che "ha commesso una colpa" potrei benissimo essere io e il "correttore" essere l'altro: il marito, la moglie, l'amico, il confratello o il padre superiore.
Insomma, non esiste solo la correzione attiva, ma anche quella passiva; non solo il dovere di correggere, ma anche il dovere di lasciarsi correggere. Ed è qui anzi che si vede se uno è maturo abbastanza per correggere gli altri. Chi vuole correggere qualcuno deve anche essere pronto a farsi, a sua volta, correggere. Quando vedete una persona ricevere un'osservazione e la sentite rispondere con semplicità: "Hai ragione, grazie per avermelo fatto notare!", levatevi tanto di cappello: siete davanti a un vero uomo o a una vera donna.
L'insegnamento di Cristo sulla correzione fraterna dovrebbe sempre essere letto unitamente a ciò che egli dice in un'altra occasione: "Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio del tuo fratello, e non t'accorgi della trave che è nel tuo? Come puoi dire al fratello: Permetti che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio, e tu non vedi la trave che è nel tuo?" (Lc 6, 41 s.).
Quello che Gesù ci ha insegnato circa la correzione può essere molto utile anche nell'educazione dei figli. La correzione è uno dei doveri fondamentali del genitore. "Qual è il figlio che non è corretto dal padre?", dice la Scrittura (Eb 12,7); e ancora: "Raddrizza la pianticella finché è tenera, se non vuoi che cresca irrimediabilmente storta". La rinuncia totale a ogni forma di correzione è uno dei peggiori servizi che si possano rendere ai figli e purtroppo oggi è frequentissima.
Solo bisogna evitare che la correzione stessa si trasformi in un atto di accusa o in una critica. Nel correggere bisogna piuttosto circoscrivere la riprovazione all'errore commesso, non generalizzarla, riprovando in blocco tutta la persona e la sua condotta. Anzi, approfittare della correzione per mettere prima in luce tutto il bene che si riconosce nel ragazzo e come ci si aspetta da lui molto. In modo che la correzione appaia più un incoraggiamento che una squalifica. Era questo il metodo usato da S. Giovanni Bosco con i ragazzi.
Non è facile, nei singoli casi, capire se è meglio correggere o lasciar correre, parlare o tacere. Per questo è importante tener conto della regola d'oro, valida per tutti i casi, che l'Apostolo dà nella seconda lettura:"Non abbiate nessun debito con nessuno, se non quello di un amore vicendevole… L'amore non fa nessun male al prossimo". Agostino ha sintetizzato tutto ciò nella massima "Ama e fa' ciò che vuoi". Bisogna assicurarsi anzitutto che ci sia nel cuore una fondamentale disposizione di accoglienza verso la persona. Dopo, qualsiasi cosa si deciderà di fare, sia correggere che tacere, sarà bene, perché l'amore "non fa mai male a nessuno".
___________________________________________________
P.S. Se Padre Sinitò lo acconsentirà, prossimamente e solo su questo blog, vi darò maggiori delucidazioni sul presunto: "caso" Oasi S. Antonio.
___________________________________________________

GUARDA gli ultimi pezzi della mia GALLERIA
.
GUARDA i VIDEO del mio CANALE You Tube
.
IO GEOMETRA cosa vorresti che PUBBLICASSI lì?

Etichette: ,

lunedì 8 settembre 2008

GP del BELGIO, "Spa-Francorchamps" (13°/2008)



La F1 e non solo... vista da BonarRIGO

Lewis vince alla garibaldina,
Massa... a tavolino!
.
Spa, 7004 m / 44 giri. (Cinque GP alla fine). A detta di tutti i piloti di F1: Il più bel circuito della massima Formula! Veloce, ma non quanto Monza, racchide in se ogni tipo di curva. La compressione dell'"Eau Rouge" (curvone da oltre 300 km/h) e la salita del "Radillon", mettono, ancora oggi, alla prova il coraggio del "vero" Pilota. Il circuito belga, è il più lungo della F1. Realizzato, raccordando delle strade aperte alla normale circolazione dei veicoli, rappresenta da sempre, l'Università dei circuiti. Non se ne abbia a male il signor architetto Norman Tilke, ma i suoi nuovi e costosissimi tracciati... nati nella sabbia del deserto o in posti lontani dal "Cuore Sportivo", nulla hanno a che vedere con Spa o Monza. Quì, Michael Schumacher ha vinto sei volte, più una, (nella quale venne poi squalificato, per eccessivo consumo del fondo piatto).

Dopo che Spa era stato tolto dal calendario F1, è il secondo anno che si corre quì, (dopo le ultime modifiche alla chicane "Bus-Stop", e ammodernamenti voluti dalla FIA). Queste modifiche hanno portato la pista da una lunghezza di Km. 6,976 a Km. 7,004.
.
Le QUALIFICHE: Prima Pole a Spa per Hamilton! Ancora Toro Rosso-Ferrari velocissime, con Bourdais, addirittura in pole nella Q1. I due alfieri della "Toro" fanno bene anche la Q2. Giungeranno ancora fra i Big della Top-Ten. Dovè la meraviglia? Che la "Toro" è la squadra B (povera), della RED BULL, la quale, con identica macchina... ma con motore Renault, da parecchi Gran Premi fa fatica. BMW, prima delle non McLaren e Ferrari, con un redivivo Heidfeld, (allertato da Taissen che se non pedala, l'anno prossimo verrà sostituito), più veloce di Kubica, ambedue nei primi dieci. Flop Toyota, che su questa pista è tornata ad accusare problemi. Sprofonda la Honda, ed anche la Williams-Toyota. Ferraristi agguerriti... ma la pole va al solito Hamilton, (1' 47" 338) che rifila ben quattro decimi a Massa. Ancora quarto Raikkonen, (che quì ha vinto le ultime tre edizioni del GP), sopravanzato anche da Kovalainen. Dopo di lui: Heidfeld, Alonso, Weber, Kubica, Bourdais e Vettel. La Force India di Fisichella e Sutil ha tentato (ancora senza riuscire), di superare la Q1.
.
La GARA: Si parte con pista umida. Ferrari e McLaren partono con gomme da asciutto morbide. Scatta bene Raikkonen che supera Massa. Davanti c'è Hamilton, ma alla Source commette un errore e va in terstacoda. Kimi passa in testa e accumula subito vantaggio. Il ritmo dei primi due è insostenibile anche per Massa terzo, che accumulerà presto oltre cinque secondi. Ma al semaforo la migliore partenza l'aveva realizzata Trulli. Da oltre centro schieramento, si ritrovava meravigliosamente quarto alla prima curva... senonchè alla frenata Bourdais (Toro Rosso) lo tamponava e gli mandava in frantumi lo scivolo estrattore. Trulli continuava, ma la gara era compromessa. Vi parlo sempre di sorpassi, nelle piste moderne spesso sono inesistenti, a Spa, (circuito storico), altrochè, si supera e c'è vero spettacolo.
.
Torniamo alle Ferrari. Al secondo pit, Kimi (e Hamilton), monta gomme dure, (per regolamento, durante il GP si devono montare ambedue i tipi di pneumatici). Tornati in pista, la Rossa del finlandese ci mette tre giri per portare in temperatura le gomme e Lewis guadagna preziosi decimi. Dopo, sembra che la situazione (e il distacco), si stabilizzi. A 6 giri dalla fine, una leggera piggia bagna la pista... due giri dopo si fa più insistente. Hamilton è ormai sugli scarichi del finlandese e lo attacca alla chicane. Kimi si difende, anticipa la frenata, chiude (correttamente) il rivale verso l'esterno. Lewis, taglia sulla via di fuga e rientra in pista davanti a Kimi. Per regolamento deve ridare la posizione guadagnata scorrettamente e lo fa... ma utilizzando una piccola astuzia: nella stessa manovra in cui fa passare la Ferrari le rimane attaccato ed in scia, così da potelo riattaccare e risuparare. E lo fa! DI QUESTA MANOVRA TORNERO' A PARLARE SOTTO. Kimi tenta un disperato riaggancio alla curva successiva, tocca perfino col musetto il retrotreno dell'altra monoposto, ma sembra che ormai Hamilton abbia avuto ragione. Ma, la pista bagnata tradisce Lewis che va in testacoda mentre transita la Williams di Nakajima... Kimi è di nuovo in testa. Ma i colpi di scena non sono finiti, perchè con gomme da asciutto anche Kimi esce larghissimo e perde la poisizione... rientra in pista tenta un'ultima disperata rimonta, ma gli sarà fatale un testacoda che lo porterà a sbattere contro il muro a Blanchimont. Gara finita per il Campione della Ferrari e vittoria ad Hamilton. Massa si piazza secondo. Ammirevole la mossa delle BMW che sostituendo le gomme con delle intermedie, agguantano il podio con Heidfeld. Il quarto posto finale di Alonso e merito (anche) dell'azzardo gomme riuscito.
.
Vi dicevo che saremmo tornati sulla MANOVRA di Lewis. Infatti, dopo la cerimonia del podio la Ferrari vuole fare reclamo preso i commissari FIA, ma scoprono che il CASO è già sotto INQUISIZIONE. Passano alcune ore. Alla fine, a Lewis verrà comminata una penalizzazione di 25" (per TAGLIO DI CHICANE). Ribaltone in classifica due ore dopo il GP. Primo diventa Felipe Massa, secondo Heidfeld con Hamilton terzo.
.
Il mio commento: Io tifo da sempre per la "Rossa" di Maranello. Reputo Kimi un vero Campione, (seppure a volte incappa in periodi bui), ma, la manovra furba di Lewis, (non il taglio di chicane ma il rimanere attaccato a Kimi), potrebbe perfino starci in un panorama di corse dove si rischia la vita a oltre 300 all'ora. Hamilton è stato penalizzato? Bene! Ma, secondo me, penalizzare chi sorpassa, nelle poche occasioni che la F1 moderna oggi offre, significa appiattire lo spettacolo. Forse, l'anno scorso avrebbero dovuto punire Lewis per vere scorrettezze (e quella grù che lo rimise in gara?), e non lo hanno fatto, non ieri!
.
_________________________________________________
LE POSIZIONI a punti:
.
1) Massa (Ferrari) in 1h 22' 59" 394
2) Heidfeld (BMW) a 9" 383
3) Hamilton (McLaren-Mercedes) a 5" 539
4) Alonso (Renault) a 14" 478
5) Vettel (Toro Rosso-Ferrari) a 14" 576
6) Kubica (BMW) a 15" 037
7) Bourdais (Toro Rosso-Ferrari) a 16" 735
8) Webber (Red Bull-Renault) a 42" 776
.
NB. Glock (8°), penalizzato di 25" per sorpasso con bandiere gialle.
Per la penalizzazione ad Hamilton, la McLaren ha presentato reclamo alla FIA.
_______________________________________________
MONDIALE PILOTI:
.
1) Hamilton (GB) 76
2) Massa (BRA) 74
3) Kubica (POL) 58
4) Raikkonen (FIN) 57
5) Heidfeld (GER) 49
6) Kovalainen (FIN) 43
7) Trulli (ITA) 26
8) Webber (AUS) 19
9) Alonso (SPA) 23
10) Glock (GER) 15
11) Piquet (BRA) 13
12) Vettel (GER) 13
13) Barrichello (BRA) 11
14 Rosberg (GER) 9
15) Nakajima (GIA) 8
16) Coulthard (GB) 6
17) Button (GB) 3
18) Bourdais (FRA) 4
19) Sutil (GER) 0
20) Fisichella (ITA) 0
21) Sato (GIA) 0
22) Davidson (GB) 0.
______________________________________________
MONDIALE COSTRUTTORI:
.
1. Ferrari 131
2. McLaren-Mercedes 119
3. BMW 107
4. Toyota 41
5. Renault 36
6. Red Bull/Reanault 25
7. Williams/Toyota 17
8. Toro Rosso-Ferrari 17
9. Honda 14
10. Force India-Ferrari 0
11. Super Aguri-Honda 0 (si è ritirato dal Mondiale)
______________________________________________
ARRIVEDERCI amici tifosi,
al prossimo GP d'Italia (a Monza), il 14 Settembre.
.
.
BAHRAIN 2008...............SPAGNA 2008
.
.
.
.

Etichette:

venerdì 5 settembre 2008

In Sicilia, vince la mediocrità sull'eccellenza


















L'italia è molto indietro nel settore pubblico rispetto alla media europea, seppure all'interno vi siano zone di eccellenza. Il settore privato, invece, nonostante l'improvvido rafforzamento dell'euro, che penalizza fortemente le esportazioni, è riuscito a migliorare le sue performances e quindi esporta di più e meglio. Ciò è accaduto perchè l'imprenditoria italiana ha individuato un modello di sviluppo azzeccato, consistente nel potenziare fortemente il cervello delle aziende, delocalizzando in parte, ove la manodopera costa di meno, mantenendo il controllo della distribuzione diretta ed indiretta, mediante franchising. Gli esempi più evidenti sono quelli della FIAT, che a Tychy, in Polonia, produce delle ottime vetture come la Panda o la "500", di Tod's che produce nell'Europa orientale scarpe e abbigliamento e, di tutte le altre griffes che basano sull'ideazione continua il loro successo.
Dove c'è competizione e dove si premia il merito, le cose funzionano e i risultati vengono. Dove invece si premia la mediocrità, vi è sempre un maggiore appiattimento e si sviluppa l'incapacità di realizzare obiettivi adeguati alle necessità.
La scuola è un disastro, perchè due terzi degli insegnanti sono raccogliticci, attraverso i punteggi, non hanno avuto un'adeguata formazione e spesso non hanno cognizione della loro fondamentale missione. Lo stesso accade in tutti gli altri versanti della pubblica amministrazione, adoperata da un ceto politico miope come stipendificio e ammortizzatore sociale.
Anche fra le imprese vi sono sacche di inefficienza, ma esse hanno un deterrente nella possibilità di fallire. La mediocrità diffusa è conseguenza anche di un basso tasso di lettura di libri, quotidiani e periodici. Al Sud tale tasso di lettura è molto più basso, con la conseguenza che non si può migliorare il livello culturale della società.
L'eccellenza va promossa in tutti i modi, in tutti i settori e costantemente. I giovani bravi e preparati vincono le sfide, i concorsi. Sono ingaggiati dalle imprese, che pagano loro cospicui compensi. Chi è bravo ha successo e non si preoccupa del rischio, perchè sa che con le sue capacità può affrontarlo e superarlo.
I mediocri, invece, aspettano sempre che qualcuno risolva loro il problema. Sono paurosi e infingardi. Non sono disposti a fare sacrifici, a lavorare e studiare 14 ore al giorno, cercano le comodità e pensano di essere sfortunati (e non incapaci) perchè le cose non vanno come vogliono loro.
.
Quanto avete letto sopra, è stato tratto dall'editoriale di Carlo Alberto Tregua, in un suo recente numero del "Quotidiano di Sicilia". Non avrei trascritto tali riflessioni se non ne fossi anc'hio convinto attore. Ci sono pero da fare delle precisazioni, non già per smentire quanto affermato da Tregua, ma per fissarne geofraficamente ed eticamente i contenuti. Studiare convinti è fare sacrifici è segno di determinazione ovunque, raggiungere risultati a scuola... fino a laurearsi con centodieci e lode, è segno di eccellenza e bravura, oltre che di grande impegno. Quando però, l'ambito familiare in cui si vive, o peggio il modo di ragionare del proprio territorio, frenano il pur bravo giovane dal varcare i confini della propria regione e tantomeno dall'allontanarsi da casa per migliaia di chilometri, ecco che nasce una nuova categoria di giovani: Le eterne promesse. Per interi lustri, il sistema siciliano e del sud, ha creato illusioni. La politica stessa ha bruciato la volontà dei giovani: "perchè ti ammazzi a studiare... tanto basta una buona raccomandazione!" oppure: "guarda quello lì, dopo tanti studi, fa la fame, vive di lavoretti occasionali!" Di tutto questo, i mediocri (meglio definibili fannulloni), hanno fatto è fanno tesoro. Dicono, "faccio bene io a non ammazzarmi di lavoro!". Per giunta, in Sicilia, cresce oggi, (ma c'è sempre stata) una categoria: gente che vive bene senza aver mai preso un libro in mano o senza aver mai piegato la schiena. I furbi e i delinquenti di bassa lega, gente che ha interpretato scaltramente il sistema. Tuttavià, mentre mediocri e furbi fioriscono come margherite, sono sempre convinto che un solo eccellente ma coraggioso, valga cento o mille dei sopra mensionati.

CLICCA: e guarda il mio ULTIMO VIDEO!
___________________________________________________
GUARDA
gli ultimi pezzi della mia GALLERIA
.
GUARDA
i VIDEO del mio CANALE You Tube
.
GUARDA
l'altro mio Blog: IO GEOMETRA

Etichette: ,

mercoledì 3 settembre 2008

Alitalia, un affare per sedici amici, una truffa per gli italiani.

Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha recentemente dichiarato: "l'Operazione Alitalia è un grandissimo successo per il Governo!" Considerando che negli ultimi 15 anni, Silvio è stato Presidente per circa 7, considerando che negli stessi anni sono stati persi Quindici miliardi di Euro, la metà della colpa è la sua. Dei suoi governi. La politica, ha sempre tenuto le mani sull'Alitalia.
.
Nell'ultimo Governo Prodi, Romano è Padoa Schioppa, avevano forse fatto una delle loro poche mosse indovinate, convincendo AirFrance (di Monsieur Spinettà), a rilevare tutto di Alitalia. Niente fallimento, niente ricorso alla legge Marzano. Ci sarebbero stati "solo" 2500 esuberi all'inizio della primavera. Con l'attuale "manovra Berlusconi" invece... avremo da 6 a 7000 ex dipendenti Alitalia per strada. AirFrance ci avrebbe pagato un miliardo e seicento milioni, (avrebbero comprato le azioni) e investito ottocentocinquanta milioni. In totale, ci avrebbero pagato due miliardi e quattrocentocinquanta milioni. Adesso, invece saremo noi a doverli sborsare. Inoltre, nel piano Prodi, sarebbe stata salvata Malpensa e ristrutturato e potenziato l'Aeroporto di Fiumicino.
.
Oggi arriva il piano Berlusconi, definito "Piano Fenice" proprio per dare la sensazione di qualcosa che risorge dalle proprie ceneri. Alitalia sarà divisa in due società, la prima denominata BAD COMPANY (società che contiene debiti), presieduta da un certo Fantozzi, -se volessimo fare una battuta- rimane a noi popolo italiano. La seconda, denominata GOOD COMPANY, (meravigliosa compagnia), va a sedici aziende private. Amici di Berlusconi? Per ripianare gli immensi debiti, di Alitalia + AirOne, ci possiamo immaginare che verra istituita una Tassa Alitalia, che avrà un nome che evocherà tutt'altra materia. Da evidenziare, che il "prestito ponte" di trecento milioni (anticipato dalla Banca d'Italia), la cosidetta "Compagnia di Bandiera" Alitalia, se l'è già mangiato.
.
Quelli che avete letto non sono che degli spunti d'inizio di un ben più lungo discorso di Marco Travaglio per il blog di Beppe Grillo. La veridicità delle dichiarazioni di Travaglio è facilmente riscontrabile, mentre la soluzione ad una dittatura (cosidetta sorridente) di questo governo, NON sembra appartenere alla SOVRANITA' del popolo italiano.
.
CLICCA: per vedere il video di Travaglio
_________________________________________________


GUARDA
gli ultimi pezzi della mia GALLERIA
.
GUARDA
i VIDEO del mio CANALE You Tube
.
GUARDA
l'altro mio Blog: IO GEOMETRA

Etichette: ,

lunedì 1 settembre 2008

A FESTA DA MATRI CATINA, c'è più Fede o routine?


LE CHIESE: Il mio paese; (escludendo le Frazioni Sciglio e Allume), conta tre chiese principali: La chiesa della Madonna del Carmelo, posta nella zona nord, nel quartiere "Botteghelle", la chiesa di S. Antonio di Padova, (patrono del paese), posta in una zona pressochè centrale e, la chiesa della Madonna della Catena, posta a sud, nel quartiere "Ficara"; il quartiere in cui vivo. Proprio su quest'ultima, e sulla relativa festa religiosa, voglio riflettere un po'. Probabilmente già dal lontano 1893, (anno in cui, allo scultore letojannese Francesco Lo Turco venne ordinato di scolpire una statua della Madonna, simile a quella di Mongiuffi Melia), ogni fine estate, la prima domenica di Settembre, il "nostro" simulacro della Vergine Maria, (che durante l'anno è posto sul trono dell'altare maggiore), viene portato in processione per le vie della "nostra" parrocchia. Parrocchia, che abbraccia oltre la metà della lunghezza nord-sud, (e della superficie totale) di Roccalumera.
Stare quì a discutere dei dettagli, del succedersi di Parroci, (mi ricodo ancora Padre Saccà, che, a noi bimbi del catechismo, ci faceva fare il tiro alla fune davanti alla porta principale della chiesa, con lui al centro a moderare di forza), devoti e portatori storici della vara, dell'uscita fra il popolo del simulacro, che avviene la domenica pomeriggio alle ore 17,15 circa... mi pare perfino superfluo, in quanto ovunque, ne potete leggere in proposito. In questa sede invece, modestamente, si vuole andare oltre e disquisire sulla forza religiosa o meno di questo evento mariano.

Prima, un mio racconto: Un dì, credendo di donarmi cosa utile, mi regalarono una Bibbia. Di lì a poco, la depositai sapientemente (di piatto) nello scaffale dei libri. Passarono degli... anni e, alle sue sottili pagine, neanche una piega avevo procurato, neanche una macchiolina poccola così, ma certo in quegli anni di "riposo", la cara Bibbiuccia, qualche granellino di polvere lo aveva pur accumulato. Mentre, io... leggevo: biografie di personaggi storici, cultura generale, attualità e persino astronomia, ma non la Bibbia. E' argomento di Chiesa, mi dicevo, andrò a Messa la Domenica! Un giorno, uno dei tanti gruppi di "visitatori religiosi della domenica", come spesso può accadere dalle nostre parti, bussò alla mia porta di casa. Li volli ascoltare un po'. Gente preparata e convinta, non cè di che! Quella volta, stranamente, costoro ponendomi delle astruse domande, mi fecero rendere conto che noi cosiddetti Cattolici, siamo deboli nella Fede. Così ignoranti dell'argomento, che non sapremmo controbattere nemmeno a delle palesi menzogne o fantasie, dette a proposito delle Sacre Scritture. Quella volta, (fra me), quasi mi complimentai con "i visitatori" e... dopo averli salutati, curioso, andai a prendere la impolverata Bibbia e... iniziai a sfogliane le sottili pagine. Oggi, per voi, accenno ad una descrizione di alcune mie parti lette che si sono poi succedute: Nel VECCHIO TESTAMENTO: la GENESI, (l'origine" di tutte le cose) e poi... IL DILUVIO UNIVERSALE, NOE', MOSE', la grande saggezza di SALOMONE... I SALMI, (raccolta di 150 componimenti o Preghiere), il Profeta ISAJA. Nel NUOVO TESTAMENTO: I VANGELI di Matteo, Marco, Luca, ecc. Una delle parti più semplici da comprendere e far proprie? le Parabole di Gesù. Da precisare che, alcune parti delle Sacre Scritture, mi sono risultate decisamente complicate, qundi, per non interpretarle male, ho pensato, meglio porle all'attenzione di uno o più Preti. Bravi. E così ho fatto! Già, quella prima volta, dando una sfogliata (a saltare), mi balzò all'occhio una cosa stupenda: avevo il "Vademecum della Vita stessa" trascurato in casa mia, e magari... talvolta, mi perdevo in riletture (o programmi TV) sulla stessa, ad opera di tal dei tali. Interpretazioni che, nel migliore dei casi... erano pur sempre influenzate dalle opinioni, dai "gusti" individuali. Insomma, perchè perdersi in viuzze, quando "le risposte" (la Via maestra), sono tutte lì? Nella Bibbia stessa!
.
E, torniamo alla Festa: Avevo iniziato parlandovi di una festa religiosa, "a Festa da Matri Catina", e lì mi chiedevo: (come tante Feste religiose), è un evento di massa, oppure un irrinunciabile rinnovamento della fede fra il popolo? Alla luce di quanto acquisito leggendo (e vivendo), posso dire che: Bisogna prima percorre TUTTA una processione, per iniziare a capirne il senso! Bisogna viverne interiormente il calore, per poi impallidire: al pianto, al bacio ed alla genuflessione dei fedeli, degli anziani e dei malati... durante le soste del simulacro. Bisognerebbe chiedersi: "E iò, chi ci fazzu c'ammènzu?" Sto camminando... PER FARE COME GLI ALTRI? ...come quelli che reputo (a torto o a ragione), CURIOSI, o "abituèe della Prima di Settembre?" Oppure??? Ecco... che quì può tornare alla mente la "parola" della BIBBIA, la stssa che mi "osserva" e a volte mi consiglia. Dettata... da Dio stesso. Mi dico: "durante LA PROCESSIONE, sia quel che sia, tu devi percorrere sereno il tuo cammino, non ti far distrarre da chiacchere e commenti e non giudicare l'altrui fare, l'altrui dire". Percorri con fede il tuo percorso "da Matri Catìna". Sarà una grande giornata! Concludendo, la PROCESSIONE da "Matri Catìna", è FEDE per quanti la cercano e la desiderano dentro di loro. A tarda sera, tanto cammino e fatica, (oltre cinque ore), vale un solo un "segno" verso Maria. Per gli altri, (e parlo degli ipotetici CURIOSI), purtroppo, sarà... una giornata come le altre! Anzi, decisamente una giornata sprecata!
.
Giovanni BonarRIGO
____________________________________________________

Sul sito della Parrocchia di Furci, potete leggere alcune mie RIFLESSIONI sulla SPIRITULATITA', CLICCA: http://www.santamariadelrosario.org/Pubblicazioni.htm
____________________________________________________
.
GUARDA gli ultimi pezzi della mia GALLERIA
.
GUARDA i VIDEO del mio CANALE You Tube
.
GUARDA l'altro mio Blog: IO GEOMETRA

Etichette: ,