Il GRIDO (Il Blog su Roccalumera e... non solo)

domenica 18 gennaio 2009

Mons. La Piana: La Massoneria controlla Messina!

Proprio in una recente intervista, rilasciata alla Gazzetta del Sud, l'Arcivescovo di Messina, Mons. Calogero La Piana, ha dichiarato: "La città di Messina è governata dalla Massoneria, la quale domina su tutto e tutti, impedendo lo sviluppo della città stessa". Dichiarazioni forti e (direi), molto coraggiose, quelle del presule messinese. Affermazioni che gli hanno (ovviamente) immediatamente provocato aspre critiche ed addirittura ipotisi di farneticazione. Non sono a conoscenza di eventuali minacce, ma non mi stupirei se esse Gli fossero già pervenute o se Gli perverranno in futuro. Io, ovviamente, credo a quanto afferma Mons. La Piana!

Ormai, noi siciliani, abbiamo fatto "il callo" (quasi) a tutto. Non ci siamo meravigliati, (e non ci meraviglieremo), quando ci hanno detto che la mafia difficilmente sarà mai sconfitta; non ci ribelliamo di fronte all'operato di una classe politica si fa i "cazzi suoi", penalizzandoci giorno dopo giorno e quinquennio dopo quinquennio; non ci scandalizzeremo, quindi, per le disastrose affermazioni di Mons. La Piana.

Io mi chiedo: lo sappiamo noi cos'è la massoneria? Io, di certo non ne ho che una vaghissima idea. Il termine "massoneria", potrebbe equivalere ad una grossa aggregazione di potenti, fuori e dentro la Politica, fuori e dentro la Magistratura, fuori e dentro la Chiesa di Roma, fuori e dentro... le carceri. In definitiva, la "massoneria" potrebbe essere nient'altro che: la "Casta" delle caste.

Ciò che è grave, anzi gravissimo, è che in molti casi il termine "massoneria" viene associato al termine "cattolica". C'è dunque l'intento di fregiarsi del simbolo della Croce di Cristo, quale lavacro per "ripulire" (e confondere) la vera finalità che è quella del dominio subdolo e dell'arricchimento a danno dei ceti più deboli, costituendo un "cerchio chiuso" attorno a nomi importanti e senza scrupoli, all'interno del quale il popolo non è ammesso.

Massoneria, è un "tema" sul quale invito tutti i miei lettori ad informarsi, a darmi opinioni (e perfino esperienze subite), un "tema" che mi auguro esca esca da questo blog per ramificarsi e diffondersi (con il passaparola). Ancora una volta, ciò che invoco e che invochiamo noi de "IL GRIDO", è semplicemente che il popolo conosca la VERITA'.
_____________________________________________
BonarRIGO POETA: su TUTTOVENETO.it
GUARDA la mia GALLERIA

Etichette: , , ,

6 Commenti:

  • tra chiesa e massoneria c'è sempre stata tensione, assolutamente d'accordo con le dichiarazioni dell'arcivescovo, bisogna considerare però che anche la chiesa spesso si comporta come la massoneria basta guardare l'opus dei, dove tra i suoi numerari e affiliati ci sono personalità di spicco della politica e dell'imprenditoria, tra l'altro anche senza pensare all'opus dei, la chiesa a molte influenze sul sistema politico, in definitiva nonostante sia assolutamente d'accordo con il mons. La Piana mi sembra un po la storia del bue che dice cornuto all'asino.

    NINO

    Di Anonymous nino, Alle 18 gennaio 2009 17:50  

  • Caro Nino, ben ritrovato. Personalmente (pur conscio dei tanti ERRORI della Chiesa di Roma), non ne faccio una questione di conflitto d'interessi fra Chiesa e Massoneria, piuttosto, mi pongo il quesito: a Messina (e provincia), siamo di fronte alla Massoneria con la "M" maiuscola? Mi chiedo: all'interno del "giro massonico" si cela la Mafia siciliana e internazionale e la Politica corrotta, (oltre il Business di alto livello), fino a praticare un certo satanismo?

    Di Blogger BonarRIGO, Alle 19 gennaio 2009 09:09  

  • non parlerei di satanismo, in quanto la massoneria almeno quella reale, crede in dio "il grande architetto", ma questo vale per le logge di almeno un secolo fa adesso invece io parlerei di semplice affarismo. ne di più ne di meno o quanto meno se proprio si vuole dare una matrice divina parlerei del dio denaro :-D

    NINO

    Di Anonymous nino, Alle 19 gennaio 2009 10:27  

  • In generale, ritengo, i principi della Massoneria molto interessanti da un punto di vista civile e progressista, ma l’aspetto che ogni loggia risponde di se stessa senza alcun legame con un vertice che ne controlla il comportamento, a mio valutare, è la migliore condizione per chi ha una cultura mafiosa.

    Potersi fare avvolgere da un’aurea di solenni principi ed intenti per mascherare la propria mafiosità è ciò che da sempre hanno cercato storicamente la maggior parte dei Politici, Istituzionali e Professionisti della nostra Nazione e tanto meglio se non devono rendere conto ad un eventuale vertice (pare di parlare dell'appena votato "Federalismo Fiscale")

    E ritornando al tema del post, a detta di molti, le “logge” sono piuttosto diffuse a Messina e provincia, e frequentate da politici, istituzionali e professionisti, anche molto spesso giovanissimi e prossimi al praticantato o specializzazione, con la prospettiva, se non con la certezza, di potere avere più facilità per accedere alla carriera ed anche alla politica, alle Istituzioni e così via.

    Quindi, tutta la mia piccola solidarietà all’Arcivescovo La Piana. Credo di potere capire molto bene quanto ha denunciato.

    Tuttavia, lo ha potuto denunciare solo lui pubblicamente, in quanto appunto Arcivescovo, e nonostante ciò è stato lo stesso in un certo senso “aggredito”.

    S’immagini dunque se lo avesse fatto un comune cittadino, gli sarebbero letteralmente "saltati addosso" per farlo, come minimo, “spegnere come una candela”.

    “lamafiadellostato” è questo “sistema”, che a mio avviso, non è solo e tanto massoneria o associazioni analoghe, ma è la cultura della mafia fatta propria dalla politica, dalle Istituzioni, dagli Ordini professionali, tutti tra di loro notoriamente “intrecciati” per pascolare noi “popolo-gregge”, così da accrescere il “loro” potere e favorire i “loro” interessi personali, parentali, associativi e corporativi.

    Di Blogger Adduso, Alle 23 gennaio 2009 23:50  

  • Un nome illustre LICIO GELLI ("Maestro Venerabile", capo della loggia massonica P2... che nel 1981 fu accusata di associare molte personalità della politica, del giornalismo, della finanza, delle Forze armate, dello spettacolo, allo scopo di influire sotterraneamente, al di fuori di ogni controllo legale e democratico, sulla vita politica e finanziaria del paese.

    Fallimento del Banco Ambrosiano... chi mi sa dire di più?

    Di Blogger BonarRIGO, Alle 24 gennaio 2009 12:57  

  • La massoneria, come qualsiasi organizzazione o setta, che si fonda su rituali e riunioni segrete e gerarchie rigide, che agiscono in modo occulto influendo spesso in modo dominante sulle nomine politiche e sugli incarichi sociali, può acquisire un potere democraticamente incontrollato, pericoloso e comunque suscettibile di essere utilizzato da personaggi senza scrupoli. Tali personaggi sostenuti dall'organizzazione segreta o da una sua loggia potrebbero infiltrarsi nelle istituzioni e propagare una rete sempre più fitta di personaggi collusi che avvilupperebbe i gangli strategici del corpo sociale. È quello che si teme sia avvenuto a Messina; ma anche quello che sia avvenuto a livello di poteri bancari internazionali, che stanno mantenendo sotto la spada di Damocle del debito pubblico, ma anche controllando l'economia con il dominio assoluto sul sistema finanziario (operato per mezzo dell'euro, di cui sono i padroni) gli Stati europei più deboli...
    Se si vuol sapere dal punto di vista storico, cos'è la massoneria, basta leggersi qualche libro in materia o in Internet... come ad esempio questo sito: http://it.wikipedia.org/wiki/Massoneria.
    Nicola Comunale

    Di Blogger nicolacomunalerizzo, Alle 16 febbraio 2014 18:57  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]



<< Home page