Il GRIDO (Il Blog su Roccalumera e... non solo)

giovedì 12 giugno 2008

Intanto, preghiamo che Pietro viva!



















Io ero lì ad Allume, ma poco importa. Ero in prima fila, ascoltavo il buon Pietro Briguglio, che dopo la breve introduzione del Sindaco Miasi, iniziava a raccontare i motivi che gli avevano impedito di ricandidarsi in questa campagna elettorale. Sembrava triste nel constatare che qualcuno aveva speculato su ciò in questi giorni. Stava per dirne i motivi, dicevo... quando improvvisamente si accasciava al suolo sul palco, fra lo sgomento della gente. Da dietro di me, scattava la moglie di Miasi per soccorrerlo, tanto che inciampava su un gradino della piazza e cadeva a terra. Molto goffamente cercavo di darle una mano, intanto Giovanni Caminiti era già sul palco a dare soccorso a Pietro. Con lui, il Dottore Foscolo, Placido Sterrantino e Anna. Il dottore gli impediva che che soffocasse con la lingua, Giovanni immediatamente gli praticava il massaggio cardiaco. Chiamate il 118...! Tutta la gente intorno, impotente, sgomenta... e il massaggio cardiaco a Pietro, continuava ancora e ancora, fino che l'ambulanza arrivava sul luogo. Gli veniva inserita la cannula per migliorare la respirazione, gli veniva somministrato ossigeno, e... caricato sulla barella a cucchiaio, ancora sull'ambulanza si continuava a praticare il massaggio cardiaco. Un grande applauso che sottintendeva un augurio di tutti: "Pierto torna con noi", lo salutava. Naturalmente Miasi sospendeva ogni cosa. Io, deluso per non essere stato utile ad un uomo, un amico, tornavo mestamente a casa, seza sapere... il poi.

Ma ora lancio un appello, alle due liste, in particolare alla lista del Dottore Argiroffi:
Augurandoci che Pietro Briguglio viva, e che non abbia riportato danni permanenti per il grave infarto subìto, che avvenga il miracolo, Vi esorto di ricordarvi che la vita di un uomo vale ben più di qualsiasi contesa, di qualsiasi ragione o torto, e quindi vi chiedo di chiudere immediatamente la campagna elettorale, rimandando ogni cosa al 15 e 16, che dovrànno rappresentare comunque giorni di pace e di fratellanza, non mai di lite o veleni. Vinca il migliore, ma da oggi, silenzio e preghiera a Sant'Antonio di Padova, patrono di Roccalumera. Ascoltatemi, fate tutto ciò per Pietro, l'amico di tutti.
_________________________________________
.
Se vuoi scrivermi: info@giovannibonarrigo.it

Etichette: ,

2 Commenti:

  • non sapevo di questa cosa, condivido il tuo appello

    Di Anonymous nino, Alle 12 giugno 2008 13:58  

  • Gentile Bonarrigo, su jonionotizie ha scritto:

    "Caro Alberto, tu credi a quanto ha affermato ieri sera Argiroffi e Campagna? E cioè che Miasi, trattandosi perdipiù di un suo carissimo amico, Pietro Briguglio appunto, avrebbe scelto di continuare la campagna elettorale piuttosto che sospenderla? Eppure ieri, questi signori hanno detto questo! Affermando fra le altre tante e gravi menzogne, (ma quì sarebbe la mia parola contro la loro), che loro erano per la sospensione, mentre Miasi invece, insensibile... per continuare ad oltranza. Io, ieri sera ho avuto un attimo di perdita di controllo... e me ne pento. Ma spero comunque, che alla fine vinca la verità e l'uomo giusto! Per il bene di Roccalumera, e per la legge di Dio. Giovanni Bonarrigo."

    Non capisco di cosa Lei parli. E stato Gianni Miasi ad inizio del suo comizio a dire testualmente: "Siamo qui questa sera perchè Petro Briguglio avrebbe voluto così, nè sono certo". E dunque cosa ci sarebbe da credere?

    Perchè gettare altra benzina su un fuoco già vivo? Ne guadagna forse Roccalumera? Ormai quel che è fatto, è fatto. Tra 36 ore i cittadini di Roccalumera andranno alle urne, decideranno e amen, vincerà chi avrà un voto in più.

    Il resto sono solo polemiche, personalismi e veleni che fanno solo male a Roccalumera.

    Saluti

    Di Anonymous Anonimo, Alle 13 giugno 2008 19:07  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]



<< Home page