Il GRIDO (Il Blog su Roccalumera e... non solo)

sabato 29 marzo 2008

Produzione di BIODIESEL in Sicilia.














ENERGIE ALTERNATIVE promosse dalla Comunità Europea
.
Sicilia, disoccupazione... e SOLUZIONI.
.
Quanto più aumenta il costo del greggio, quanto più le industrie agricole cercano di correre ai ripari, producendo i bio-carburanti. Così, già dal 2005, è sempre più diffusa la produzione energetica di biodiesel: olio di colza e semi di girasole, impiegati già nel '700 nel Nord Europa per l'illuminazione pubblica (l'Olanda era l'unico Paese europeo che coltivava la colza per seme). Dai dati dell'European Biodiesel Board (Unione Europea Produttori di Biodiesel), è emerso che la prima nazione che ha iniziato a vedere nella colza la valida alternativa all'utilizzo del greggio, è stata la Germania, seguita da Francia, Italia e nell'arco degli ultimi due anni, anche Spagna e Gran Bretagna, con un forte rialzo nei mercati europei. La Commissione Europea ha dato il via libera all'istituzione in Italia, di sgravi fiscali per la produzione e l'impiego di biodiesel. Sgravi fiscali che saranno applicati solo ad una percentuale di biodiesel e copriranno una parte della differenza dei costi di produzione. Il tutto, entro una scadenza. Infatti il regime si concluderà nel 2010 e l'importo previsto per lo sgravio fiscale, calcolato su un periodo di quattro anni, è pari a 348 milioni di Euro. Il principale produttore al mondo di bio-combustibili è il Brasile, che ha investito notevoli risorse sin dal 1975, sfruttando le dimensioni territoriali e le condizioni climatiche. Di recente, India e Cina hanno manifestato grande interesse alla coltivazione e produzione di seminativi oleaginosi.
.
E' IL SECONDO PROGETTO del genere NELL'ISOLA.
.
Sei le aziende che hanno stipulato
i CONTRATTI DI PRODUZIONE

Anche in Sicilia, infatti, il processo di produzione di biodiesel è partito, ed anzi, il progetto di delle "bio-energie" inizia ad interessare le industrie. Già (recentemente) è stato siglato a Palermo il protocollo d'intesa fra gli assessori regionali all'Agricoltura, all'Industria ed i produttori agricoli che operano nel campo delle bio-energie. Fra i vari obiettivi che i rappresentanti del consorzio Agroenergie Sicilia si sono posti, c'è il raggiungimento di 45mila ettari di terreno da destinare alla produzione della colza. E' indubbio, che la produzione di questo tipo di combustibile, oltre a diminuire la dipendenza energetica e ridurre le emissioni di gas che alterano il clima, determinerà nuove opportunità di diversificazione di sbocchi produttivi, dunque maggiore, occupazione e reddito rurale.
.

Clicca il mio URL MySpace

Etichette:

3 Commenti:

  • Hey are you a professional journalist? This article is very well written, as compared to most other blogs i saw today….
    anyhow thanks for the good read!

    Di Anonymous Anonimo, Alle 12 dicembre 2009 15:52  

  • Dear "anonymous",
    I thank her to have appreciated my article. I cannot consider me a professional but I write for a monthly from by now four years.

    I invite her to read he anchors me on "IL GRIDO" and I do her since now my best Wishes of Merry Christmas and Happy New year 2010.

    Giovanni BonarRIGO

    Di Blogger BonarRIGO, Alle 17 dicembre 2009 20:09  

  • Sarei interessato al vostro prdotto di Biodisel, vorrei sapere la quantita minima di ordine, come fare il pagamento, e il costo totale di aquisto, CORDIALI SALUTI.
    Mendolia Salvatore
    via Lussemburgo N' 1
    Emeil. salvatoremendolia3@gmail.com
    Tel. 3283373642

    Di Anonymous Mendolia Salvatore, Alle 12 febbraio 2012 21:05  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]



<< Home page